Jazz: domani a Modica il concerto “D’Autore” con i più bei brani italiani e internazionali in chiave jazz

Condividi con un click

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

MODICA – S’intitola “D’Autore” e sarà una lettura in chiave jazz delle pagine più intense della canzone d’autore italiana e internazionale. Domani, domenica 29 agosto, ancora musica per la stagione estiva InTeatroAperto della Fondazione Teatro Garibaldi di Modica. Il chiostro di Palazzo San Domenico ospiterà alle ore 21 il concerto di Valentina Gramazio, alla voce, e Giovanni Mazzarino, al pianoforte, che proporranno alcune delle musiche e dei testi che hanno fatto la storia della canzone autorale italiana e non solo. Luigi Tenco, Gino Paoli, Umberto Bindi, Vinicius De Moraes, Lucio Battisti, Bruno Martino, Lucio Dalla: sarà una serata per sognare a occhi aperti, cullati dalle dolci melodie e dalle parole di grandi artisti.

Testi e note che tutti noi portiamo nel cuore e che probabilmente hanno siglato musicalmente momenti di vita importanti: sono le canzoni, piccole schegge di emozione in grado, con poche note e parole, di riaccendere in noi ricordi e sensazioni.  “D’Autore” è un percorso musicale che si snoda fra le canzoni più amate della musica italiana e grandi melodie internazionali, reinterpretate in una raffinata versione Jazz dalla cantante Valentina Gramazio e dal pianista Giovanni Mazzarino. Dal loro primo incontro musicale che risale al 2012, il duo ha percorso insieme una lunga strada di condivisione artistica che sfocia in questo intenso Récital, il cui repertorio attinge a composizioni “pop” di grande valore autorale vestite con la “classica atmosfera del Jazz”, linguaggio che tutto trasforma e fa risplendere in una nuova luce. Gli artisti proporranno perle composte negli anni ’60 da Luigi Tenco e Umberto Bindi, passando per il Brasile di Vinicius de Moraes e Chico Buarque de Hollanda, per arrivare ai capolavori di cantautori come Lucio Dalla, o di autori come Bruno Martino (la famosa hit “Estate” è diventata famosa in tutto il mondo grazie alle esecuzioni di Joao Gilberto, Bob Berg e John Hendricks) o, ancora, di autori contemporanei come Fabio Concato, la cui produzione è intrisa di sensibilità jazzistica. Non mancheranno alcuni brani originali composti dallo stesso Mazzarino, con i testi di Gramazio.  “D’Autore” è un vero e proprio ponte creativo tra la musica leggera e il Jazz, genere musicale nominato dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità proprio come la città in cui si svolge il concerto.

Prenotazioni online sul circuito ciaotickets o di presenza al botteghino del teatro. Sponsor della stagione: Conad, Gruppo Minardo, Gruppo Zaccaria, Acqua Santa Maria, Avimecc, Banca Agricola Popolare di Ragusa. Media partner Video Regione.

Valentina Gramazio

Personalità poliedrica della musica e della cultura italiane, Valentina Gramazio è una cantante, songwriter, performer, discografica indipendente  e instancabile operatrice culturale attiva in Lombardia, Veneto e Sicilia. Appassionata di Jazz grazie al padre Domenico, assimila naturalmente fin da piccola un vasto repertorio di standard Jazz, cominciando a esibirsi a soli 17 anni. Studia canto con la contralto lirica Daniela Battaglia e successivamente con la soprano Elena Bertocchi. Successivamente è allieva della Jazz vocalist friulana Enrica Bacchia. Allo studio della tecnica vocale affianca l’approfondimento del linguaggio Jazz partecipando a seminari e Masterclass con musicisti di fama internazionale come Jay Clayton, Sheila Jordan, Michelle Hendriks, Eduardo Lopes, Sheila Jordan e moltissimi altri. Studia teoria, solfeggio e pianoforte con il M. Emanuele Ullo. Nel 2012 incontra, in occasione dei seminari estivi di Piazza Jazz, Giovanni Mazzarino, uno dei Jazzisti più autorevoli della sua generazione a livello internazionale, con il quale avvia un importante sodalizio artistico e professionale. Nel 2015 ha pubblicato Per Inciso, album in settetto di sue composizioni originali arrangiate da Mazzarino e realizzato in collaborazione con l’incisore Paola Maestroni, che ha raggiunto le vette della classifica Indie Music Like nella primavera del 2016. Collabora con musicisti e artisti prestigiosi della scena Jazz e artistica internazionale quali Fabio Notaro, Flavio Boltro, Alex Orciari, Pasquale Fiore, Stjepko Gut, Roberto Paglieri, Gaetano Valli, Alessandro Turchet, Humberto Amesquita e moltissimi altri,  spesso ideando e producendo progetti originali di fusione fra musica e arti visive, come nella condivisione con le artiste Paola Maestroni e Marialisa Leone, sue partner in importanti produzioni.

Nel 2015 ha co-prodotto con la sua etichetta discografica Jazzy Records il film-concerto sul Jazz di Giovanni Mazzarino PianiParalleli, per la regia di Gianni Di Capua, programmato nel circuito d’Essai dei cinema italiani e successivamente acquistato dalla RAI che lo ha trasmesso per due volte su RAI5 e inserito nel palinsesto permanente di RAIPlay. Nel 2020 è stato acquisito anche dalla piattaforma di cinema in streaming Prime.

Con l’attore e regista Luigi Ottoni (il Piccolo Teatro di Milano) ha partecipato a due importanti progetti di teatro-canzone: “Le Lune di Carta” e “C’era una volta il Jazz”. Si è esibita in teatri, festival e contesti prestigiosi. Ha vissuto un intenso sodalizio artistico con il Jazzista e tenore artista del Coro della Scala di Milano Giuseppe Bellanca e cantato insieme a Giovanna Caravaggio e Silvia Spruzzola, anch’esse Artiste del Coro della Scala.

Nel Dicembre 2018 ha rappresentato la città di Crema come artista durante un viaggio istituzionale in Cina, nella città di Nanning, esibendosi in tre concerti accompagnata dal pianista Mº Gabriele Duranti.

È la curatrice della sezione Art del  Crema Jazz Art Festival, la rassegna internazionale che ha portato nel vivace centro lombardo alcuni fra i maggiori esponenti della scena Jazz internazionale. Per questa manifestazione, Valentina ha curato quattro importanti mostre dedicate alle interazioni fra arti visive e musica Jazz, fra cui nel 2017 la memorabile “En Confiance, Jazz” di Marialisa Leone, sfociata poi in due performance musical-pittoriche di grande successo.

Oltre a occuparsi di musica Jazz e cultura, Valentina è un’affermata pubblicitaria, socia dell’Art Directors Club Italiano (ADCI).  Giornalista Pubblicista dal 2007, cura l’ufficio stampa di noti musicisti Jazz, artisti e festival culturali.

Giovanni Mazzarino

Giovanni Mazzarino suona e si occupa professionalmente di Musica Jazz dal 1985.

È considerato dalla critica specializzata uno tra i migliori pianisti, compositori e arrangiatori italiani. Messinese di nascita, vive a Piazza Armerina e insegna Improvvisazione Jazz presso il Conservatorio di Musica di Messina (Sicilia) e pianoforte Jazz presso i Conservatori di Cosenza e Udine. È impegnato anche come direttore artistico di importanti Festival Jazz e curatore di manifestazioni divulgative della musica Jazz.

Tra le sue collaborazioni più importanti: Enzo Randisi, Gianni Basso, Franco Cerri, Massimo Urbani, Enrico Rava, Flavio Boltro, Paolo Fresu, Fabrizio Bosso, Stefano Di Battista, Franco Ambrosetti, Francesco Cafiso, Mark Murphy, Steve Swallow, Tom Harrell, Randy Brecker, Steve Grossmann, Bob Mintzer, Bobby Durham, Lester Bowie, Jimmy Cobb, Adam Nussbaum, Eddie Henderson, Mike Goodrick, Hal Crook, Bucky Pizzarelli, Kurt Rosenwinkel, Anne Ducros… e tanti altri ancora.

Nel 2002 si è classificato al 1° posto come “Miglior nuovo talento italiano”  per il Referendum Top Jazz indetto dalla rivista specializzata Musica Jazz. Nel 2009 lo stesso referendum lo consacra tra i migliori  tre pianisti italiani assieme a Stefano Bollani e Dado Moroni.

Guidato da uno spiccato gusto estetico e da una vasta cultura musicale, ma soprattutto da una vera e propria missione legata al Jazz come stile di vita, ha inciso a suo nome 21 dischi e partecipato a innumerrevoli registrazioni come sideman o arrangiatore, Giovanni Mazzarino è un musicista convinto che suonare Jazz non significhi “mettere in mostra i muscoli” con prodigiose esibizioni di tecnica pianistica, ma che invece occorra cesellare l’ispirazione con gli strumenti della conoscenza nella costante e vigile attesa del momento creativo. Un musicista di testa e di cuore, che ha sempre ricercato attraverso l’introspezione, nell’ascolto del contesto sia musicale che sociale e nell’interscambio con i propri partner musicali, una dimensione espressiva autentica. Una ricerca infinita la sua, ma soprattutto un viaggio dentro sé stessi che non si stanca di rivelare nuovi panorami emotivi, nutrimento del fare musica. Ha inciso a suo nome 21 album (CD) e partecipato come sideman o arrangiatore a circa 50 lavori. Lunga e prestigiosa la lista dei festival e della manifestazioni a cui ha partecipato con svariate formazioni: Umbria Jazz, Marciac Jazz Festival, “Dubai Philips Jazz Festival” a Dubai, Euro Jazz Festival Mexico City, Festival Internazionale di Barquisimeto in Venezuela, Barranquilla, Medellin, Bogotà e Cartagena in Colombia, Festival Internazionale di Giacarta in Indonesia, Festival Internazionale di Lima in Perù, Casa del Jazz (Roma), Jazz Center Istanbul, Teatro Nazionale e National Portrait Gallery di Londra, Università di Bruxelles, nei più importanti teatri d’opera del world e Jazz Club come: Duc Des Lombards e Sunset a Parigi, Fasching Jazz Club a Stoccolma, Porgy & Bess a Vienna, Blue Note a Milano, Kitano Jazz Club a New York, oltre a diversi Istituti Italiani di Cultura nel mondo.

Il film-concerto Pianiparalleli Live in Fazioli Concert Hall, che lo vede protagonista al fianco di Steve Swallow, Adam Nussbaum, Fabrizio Bosso, Paolo Silvestri e l’Accademia d’Archi Arrigoni, è stato proietatto nei cinema di tutta Italia e trasmesso su RAI5 ed è attualmente inserito nel palinsesto di RaiPlay.it.
28 agosto 2021
ufficio stampa

sembra ti stia annoiando

E questo ci fa tanto stare male. Fai qualcosa!

Nella pagina dei contatti troverai un gioco!