Telefonate di vicinanza agli anziani soli e raccolta giocattoli per bambini meno fortunati. Ecco il Natale comunitario che a Ragusa promuove l’associazione San Bartolomeo – sistemi culturali.

Condividi con un click

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

RAGUSA – Un sostegno ai bambini meno fortunati e agli anziani spesso dimenticati affinché anche per loro sia Natale. Ragusa riscopre il suo essere collettività grazie all’associazione “San Bartolomeo – sistemi culturali” che lancia l’iniziativa “Natale per tutti…Ragusa una comunità”. La diffusione del virus sta avendo purtroppo importanti ripercussioni sulla vita economica e sociale di molte persone, per questo l’associazione iblea sceglie di pensare alle categorie più deboli, più vulnerabili, come i bambini e gli anziani appunto, per regalare loro un Natale più sereno. L’idea è stata lanciata dal consigliere comunale Giovanni Gurrieri e dalla componente della consulta comunale giovanile Lorenza Tumino e subito accolta dal presidente dell’associazione ragusana Maria Strazzeri. Per i più piccoli è stata attivata una raccolta di giocattoli, nuovi o usati purché in buono stato, ma anche di dolcetti e pandori: i doni saranno destinati alle famiglie in emergenza economica che verranno segnalate dalle parrocchie, dalla Caritas e da tutte le realtà sociali.

Gli anziani invece, soprattutto quelli che vivono una situazione di solitudine, saranno coinvolti nella ricostruzione della memoria comune: un modo per fare loro compagnia e al contempo ricostruire la storia di Ragusa, usi, costumi, aneddoti del passato che rischiano di andare perduti per sempre. I volontari dell’associazione li chiameranno al telefono per trascorrere del tempo e insieme lasciarsi andare ai ricordi e alle storie del passato. Le memorie saranno raccolte e, questa è l’intenzione, pubblicate in seguito per essere a disposizione della collettività e soprattutto delle giovani generazioni.

Una comunità insomma che si riscopre più umana e più attenta nei confronti dell’altro attraverso un doppio intervento e sempre nel rispetto di tutte le regole anti-Covid: i giocattoli ad esempio saranno sanificati con procedure a norma predisposte gratuitamente dalla ditta Sofag di Ragusa e poi confezionati grazie al materiale offerto da Iblea Nastri Italia e da Criscione & Criscione e quindi distribuiti. La raccolta dei giocattoli si svolgerà dal 10 al 16 dicembre, dalle ore 18.30 alle 20.00, presso la sede di “San Bartolomeo – sistemi culturali” (Vallata Santa Domenica) dove si procederà alla sanificazione e all’impacchettamento. La consegna invece avverrà dal 20 al 23 dicembre. Chiunque volesse contribuire all’iniziativa, non solo con la donazione dei giocattoli, ma anche nel ruolo di volontario sia nelle attività a favore dei più piccoli che in quelle dedicate agli anziani, può contattare il numero WhatsApp 371-4226842 o le pagine social dell’associazione o avere ulteriori informazioni collegandosi al sito web www.sanbartolomeo1696.it. Il progetto gode del sostegno di Banca Agricola Popolare di Ragusa, Azienda Sanitaria Provinciale – Asp7 Ragusa, Caritas diocesana, Confcommercio Ragusa, Fondazione San Giovanni Battista, Ordine dei Medici di Ragusa, Soroptimist Ragusa, Rotaract di Ragusa, Lions Club Ragusa Host, Hinner Wheel Club Ragusa Centro, Moica Ragusa, MediaLive, Radio Ragusa, Ragusaoggi, SetUp Magazine.

 10 dicembre 2020 ufficio stampa Carmelo Saccone per MediaLive

sembra ti stia annoiando

E questo ci fa tanto stare male. Fai qualcosa!

Nella pagina dei contatti troverai un gioco!